Gli assegni circolari bancari


Gli assegni circolari bancari Per importi superiori a 5.000 euro l’assegno circolare bancario deve essere emesso dall’istituto di credito con la dicitura “non trasferibile”. Per somme inferiori ai 5.000 euro, l’assegno circolare bancario può emettersi (a fronte della richiesta scritta da parte del cliente) anche senza tale dicitura: in tal caso è prevista la necessità del pagamento di un’imposta di bollo.
Si è visto dunque come l’assegno circolare si caratterizza per il fatto che è emesso direttamente dalla banca a seguito di un versamento effettuato dal cliente, sia che questi sia titolare di conto corrente o meno. Naturalmente anche il beneficiario dell’assegno circolare può essere sprovvisto di conto corrente. Simile nella forma all’assegno circolare è il cosiddetto assegno turistico, per cui il cliente chiede alla banca di compilare un assegno nella valuta del Paese di destinazione e che gli consente di ritirare l’importo quando egli arriva a destinazione.


Il fac simile di un assegno circolare Il fac simile di un assegno circolare
Per una corretta e completa compilazione dell’assegno circolare, nonché per valutarne la correttezza formale (che, si ricorda, ai fini dell’incasso è sostanziale) è possibile considerare il fac simile di un assegno circolare, cioè un titolo già precompilato in ogni sua parte in modo da poter vedere come poter procedere e quali modalità usare. Si vedrà allora come, per poter essere correttamente compilato, deve presentare scritta sul modulo la denominazione di assegno circolare, l’impegno della banca a pagare, il cognome ed il nome del beneficiario, la data ed il luogo di emissione e la sottoscrizione della banca che lo emette. Prendendo visione di un fac simile, ci si potrà rendere conto di come esso si caratterizza per l’esplicito impegno della banca a pagare la somma indicata nel momento in cui il beneficiario presenterà l’assegno presso lo sportello. Dal fac simile dell’assegno circolare si noterà anche come il nome ed il cognome del beneficiario debba essere riportato a chiare lettere, e questo perché, si ricorda, tale tipo di assegno si caratterizza quale assegno nominale, e non al portatore.

Come versare gli assegni circolari Come versare gli assegni circolari
Per versare l’assegno circolare bancario, come si è visto, non è necessario che il cliente sia titolare di un conto corrente, in quanto è presente una copertura precostituita. In tal senso, non dipendendo da un conto corrente personale ma facendo capo ad una banca come emittente, spesso l’assegno circolare bancario è considerato molto sicuro. Alcuni istituti di credito danno la possibilità di emettere assegni circolari di massa, nel caso in cui il proprio cliente abbia necessità di effettuare molti pagamenti.
I giorni di valuta corrispondono al tempo necessario che intercorre dal momento in cui è addebitato un assegno bancario ordinario o circolare, o un versamento o prelievo in generale fino al momento in cui avviene l’accredito al beneficiario o comunque a colui che ne ha diritto.
Si è visto come la caratteristica dell’assegno bancario circolare è quella di essere una promessa di pagamento da parte della banca che in questo caso assume la veste di emittente dell’assegno. A ulteriore garanzia del beneficiario è previsto che la banca che emette assegni circolari bancari (oltre a dovere essere autorizzata) deve aver costituito presso la Banca d’Italia una cauzione a garanzia: su tale cauzione i portatori dei titoli hanno la precedenza nel caso in cui ci dovessero essere problemi nella riscossione degli assegni




CALCOLATORI
di prestiti, finanziamenti e mutui
Calcolatore di Rata Calcola la Rata
Simulatore di prestito, mutuo, finanziamento. Trova la rata giusta per le tue tasche in base al tasso, durata ed importo.
Calcolatore Tasso EffettivoRata Calcola il Tasso Effettivo
Che interessi stai pagando? Per conoscere gli interessi effettivi sul tuo prestito o mutuo che stai restituendo o che vuoi richiedere.
Quanto puoi chiedere Quanto puoi richiedere?
Per sapere l'importo che puoi richiedere in base al tuo reddito attuale.

ULTIME NEWS  
05/02/2013 - Aumento costo assegno postale nel 2013

Guarda tutte le news di quest'area
Guarda tutte le news del portale

 
® W.P.S. Web Marketing s.r.l. | P.I. 02439520814
direzione@wps-srl.it